Defibrillatore nelle scuole: questione di vita o di morte

31.12.2013 11:50
Progetto CuoreBatticuore promosso da Fondazione DEM
A tre anni di distanza dalla costituzione della Fondazione DEM Onlus (settembre 2010) ecco un nuovo e importante progetto sulla donazione dei preziosi Defibrillatori modello ADE Life-Point. Dopo i cinque apparecchi donati negli ultimi anni a quattro istituti scolastici e ad un'Associazione dilettantistica, ecco la nuova idea con progetto CUOREBATTICUORE - un defibrillatore per la vita. 
Parte infatti ufficialmente il progetto CuoreBatticuore, promosso da Fondazione DEM, in collaborazione con Associazione Amici del Cuore  e Triveneto Cuore, per la donazione del preziosissimo apparecchio a scuole, centri sportivi e comunità bisognose sull'intero territorio nazionale. 
PERCHE’ UN DEFIBRILLATORE E’ INDISPENSABILE?
 
Il defibrillatore semiautomatico esterno è indispensabile per trattare un evento drammatico: l’arresto cardiaco improvviso. Ogni anno in Europa circa 700mila persone sono colpite da arresto cardiaco improvviso; in Italia si registrano 60mila casi all’anno. In questi casi il tempo d’intervento è limitato a cinque minuti per evitare danni celebrali.
Un defibrillatore semi-automatico è un apparecchio portatile alimentato a batterie che permette a persone formate, anche se non figure sanitarie, di ‘resettare’, grazie a una scarica elettrica erogata dagli elettrodi, la funzionalità elettrica del cuore nei casi di fibrillazione o tachicardia ventricolare che se non trattate sfociano nell’asistolia. Dopo l’applicazione degli elettrodi, guidata dalla voce elettronica, il defibrillatore semi-automatico provvede a fare una rapida valutazione del tracciato elettrocardiografico e valuta autonomamente la necessità o meno di erogare la scossa e di quale potenza, lasciando all’operatore solo l’obbligo di premere il pulsante che rilascerà la scarica una volta che la scena dell’evento diventi sicura. Il defibrillatore è semplicissimo da usare: è pensato per l’utilizzo da parte di personale non sanitario e non medico opportunamente istruito ed abilitato come previsto dalla normativa vigente.
Il progetto CuoreBatticuore nasce sull'esperienza fatta da progetti come trenta ore per la vita,  e da studi fatti dalle varie società scientifiche che studiano da decenni la problematica della morte cardiaca improvvisa. L’obiettivo è stato quello di sensibilizzare  l'opinione pubblica, le scuole, le comunità sullo sviluppo della "cultura del primo soccorso in situazioni d'emergenza", sull'importanza di una tempestiva rianimazione.
Aiutaci a donare altri Defibrillatori
Come saprai in certi casi i defibrillatori diventano indispensabili, cerchiamo sostenitori e aiuti da parte di tutti per donare altri defibrillatori a scuole, associazioni sportive, comunità e altre realtà bisognose. E’ anche grazie al tuo aiuto che possiamo continuare il nostro percorso in questo progetto.

Di Manuel Giardini

Cosa ne pensi di questa iniziativa?

Nessun commento trovato.

Nuovo commento